HOME 〉

JOURNAL

〉

Journal / ilGolosario





Guida delle cose più buone delle 20 regioni italiane

vol.33 Molise: Transumanza e Caciocavallo

Journal / ilGolosarioFeb. 14, 2019

photograph by Nicola Lanese
Testo: Paolo Massobrio
Traduzioni: Motoko Iwasaki

Strade come tappeti verdi fatte dal calpestio della transumanza

photograph by Kerem



Guardo le fotografie che mi ha inviato Carmelina Colantuono. La grande mandria di vacche bianche dalle lunghe corna attraversa dolci colline, torrenti, grandi strade d’erba.

photograph by Sandro di Camillo



I cavalieri che la conducono hanno cappelli ad ampie falde, per proteggersi dal sole e dalla pioggia. Ma le facce ed il paesaggio non tradiscono: non siamo in Montana, ma in Molise. Al massimo potrebbe essere un film western di Pasolini*.

photograph by Kerem



I tratturi esistono da millenni: sono strade naturali tappezzate d’erba, dove veniva fatto transitare il bestiame per la migrazione stagionale. Si snodano tra l’Abruzzo e la Puglia lungo vallate e colline, tra piccolissimi borghi antichi fatti di pietra e panorami mozzafiato.

photograph by Flaviano Testa



“I pascoli di Abruzzo e Molise sono a 1300/1400 m. e sul Gran Sasso anche più alti, quindi in inverno nevica molto. Gli animali vivono allo stato brado, non ci sono stalle o ricoveri. La ricerca di pascoli invernali ha portato i pastori verso il mare, verso la Puglia”.

photograph by Antonello Nusca



Il tratturo è un largo sentiero erboso, largo circa 111 metri, originatosi dal passaggio e dal calpestio delle greggi e degli armenti. Il suo tragitto segna la direttrice principale di un complesso di percorsi che progressivamente si snodano e si diramano in sentieri minori, i tratturelli (40 m. di larghezza circa), i bracci (20 m. di larghezza) ed i riposi, spiazzi di parecchi ettari destinati alla sosta delle greggi e delle mandrie. Queste vie sono state utilizzate dai pastori per compiere la transumanza fin dall’epoca preromana (Sanniti).

L’amazzone che guida uno squadrone di una ventina di uomini pastori

photograph by Kerem



Sono state calpestate probabilmente dagli elefanti di Annibale, dalle schiere di pezzenti, mistici ed avventurieri in partenza per le crociate ed ora dalla mandria di 500 capi dei Colantuono, una famiglia di tipo patriarcale di 20 persone tra padre, zio, fratelli, cugini, tutti allevatori, il cui simbolo radioso è Carmelina, amazzone dalle calde fattezze mediterranee, forte come un toro.

photograpsh by Antonello Nusca



“Frosolone, il mio paese in provincia di Isernia, a fine settembre si svuotava di tutti gli uomini che riunivano le mandrie ed andavano a svernare in Puglia. Rimanevano solo donne e bambini fino a maggio, quando ritornavano a godere con le bestie della bella stagione.

photograph by Nicola Lanese



E’la transumanza mediterranea che si compie spostandosi per lunghi percorsi in un’altra regione, si dice “orizzontale” a differenza di quella “verticale”alpina, dove lo spostamento è relativamente breve con forte dislivello dalla valle ai pascoli di montagna. Da qui a San Marco in Lamis, nel parco nazionale del Gargano, dove andiamo a svernare, sono 180 chilometri, 5 giorni a cavallo sui tratturi in Molise, poi sulle strade in Puglia”.

photograph by Antonello Nusca



E’ proprio in Molise, dove il progresso non ha violentato completamente il territorio, che questo straordinario patrimonio di civiltà si è meglio conservato, insieme a tradizioni, specialità gastronomiche e a principi morali condivisi di onestà e dignità, questi sì veramente d’altri tempi.
“Qui da noi lasciamo le chiavi attaccate alle porte delle case”.

Per 180 km, una grande trasferta di 500 vacche
“ Perché è un modo di salvare il nostro piccolo mondo.”

photograph by Sandro di Camillo



“La transumanza era riservata agli uomini perché è molto dura. Io però vedevo tornare fratelli e cugini divertiti e sorridenti e mi dicevo: se fosse così faticosa avrebbero altre facce. Naturalmente sbagliavo, comunque ho insistito ed è diventata la mia vita.

photograph by Rocco Lamparelli



photograph by Nicola Lanese



Da generazioni usiamo il cavallo; cerchiamo di viaggiare nelle ore meno calde; al mattino dalle 4,30 fino alle 10/11 e dalle 4 del pomeriggio finché non siamo arrivati alla sosta, a volte anche dopo mezzanotte.
Ormai quasi tutti usano i camion per spostare il bestiame, la transumanza la fanno solo per qualche piccolo tratto, per i turisti. Noi siamo rimasti gli ultimi a fare tutto il percorso ma ci tengo, perché è un modo di salvare il nostro piccolo mondo.

photograph by Antonello Nusca



photograph by Stefano Di Maria



Altrove i tratturi sono diventati asfalto, grandi magazzini, parcheggi. In Molise, forse anche un po’ per merito delle nostre cavalcate, nel 1997 sono stati sottoposti alle stesse leggi che tutelano i monumenti nazionali. Dal marzo 2018 abbiamo avviato, con un partenariato transnazionale e con il Ministero dell’Agricoltura e Foreste, la candidatura immateriale della Civiltà della Transumanza a patrimonio Unesco”.

photograph by Donato D’Alessandro



“Tutte le nostre mucche sono di razza Podolica e marchigiana, molto resistenti. Tenute allo stato brado vivono di più, sono meno soggette ad ammalarsi, più forti e più agili. Quando partiamo, già conoscono le vie della transumanza e spesso le devi frenare.

photograph by Nicola Lanese



Lungo i tratturi del Molise attraversiamo strade, ferrovie; abbiamo bisogno di autorizzazioni dalle ASL, dalle Regioni, dalle Province, dai vari comuni, dalle Prefetture e Questure. Organizzare lo spostamento di 500 capi in questo modo non è uno scherzo. Ma quando passiamo per i nostri paesi è una festa, prima di tutto per i bambini. Ce ne sono alcuni che vanno a scuola di equitazione con il sogno di poter fare la transumanza”.

photograph by Sandro Di Camillo



La razza podolica produce formaggi che possiedono “valori speciali con significati importanti”.

photograph by Kerem



La Podolica non dà molto latte, ma pregiato, grasso e arricchito in alpeggio da sentori erbacei e floreali. L’azienda agricola Colantuono ovviamente lo utilizza al meglio con i suoi formaggi, tutti a latte crudo.
Quello più particolare, premiato anche dalla Associazione Stampa Estera in Italia come “produzione di particolare valore e significato”, è la “Manteca”. E’ una palla di burro di ricotta, lavorata il giorno dopo la preparazione che, privata dell’acqua, viene inglobata nella pasta del caciocavallo. Una specie di sottovuoto naturale che conserva la freschezza del suo cuore ed i suoi aromi anche per 12 mesi. E’magnifica sul pane caldo, sulla bruschetta o sulla pasta. Naturalmente l’involucro protettivo è tutto da gustare.

photograph by Enrico Caracciolo



Il caciocavallo podolico è il formaggio della tradizione dal “gusto inimitabile di pascolo e di macchia”, sopporta lunghi invecchiamenti, da consumarsi rigorosamente a fine pasto. Notevoli anche la scamorza di pasta di caciocavallo e la caciotta a pasta molle Cretese.
La produzione, se si considera il numero dei capi, non è molta e viene venduta ad enogastronomie selezionate e a privati affezionati, quasi tutta in Italia.

photograph by Nicola Lanese



La transumanza a cavallo invece, trova ogni anno nuovi accompagnatori che a maggio vogliono accodarsi alla mandria, sono anche stranieri, dall’Australia, dal Canada e… naturalmente dal Texas.
Così anche io, che non ho di certo il fisico da atleta o da grandi avventure, per una volta, mentre vi scrivo, non sogno di vini e formaggi, ma di cavalcare dietro la mandria sotto la luna, quando solo il suono dei campanacci rompe il silenzio di quei fiumi d’erba che portano al mare.

Photograph by Sandro Di Camillo



* Pier Paolo Pasolini ( 1922-1975), cineasta e letterato, girò in Italia Meridionale, prevalentemente a Matera in Basilicata, il suo capolavoro “il Vangelo secondo Matteo”, con attori non professionisti e comparse scelte fra la popolazione contadina.


SHOP DATA
Azienda Agricola Colantuono

Fraz. Acquevive, 16
Frosolone, Isernia
Molise
TEL +39 329.5485059
E-MAIL colantuono1@tiscali.it











FEATURE / MOVEMENT





JOURNAL / EUROPE





JOURNAL / AMERICA





PEOPLE / PIONEER





PEOPLE / CHEF





FEATURE / WORLD GASTRONOMY





PEOPLE / CREATOR





PEOPLE / LIFE INNOVATOR





JOURNAL / JAPAN





JOURNAL / AUSTRALIA





JOURNAL / ASIA





MEETUP / REPORT





ログイン

まだ会員になっていない方

現在登録しているメールアドレス

パスワード

パスワードを忘れた

パスワードを忘れた方へ

パスワードを忘れた方は以下のフォームに登録時のメールアドレスを入力し、送信して下さい。
ご登録されているメールアドレスに仮パスワードをお送りします。

まだ会員になっていない方はこちらから新規会員登録

パスワードを忘れた方へ

パスワードを忘れた方は以下のフォームに登録時のメールアドレスを入力し、送信して下さい。
ご登録されているメールアドレスに仮パスワードをお送りします。

ご注意:送信ボタンは一度だけ押してください。

まだ会員になっていない方はこちらから新規会員登録

パスワードを忘れた方へ

ご登録されているメールアドレスに
仮パスワードをお送りいたしました。

まだ会員になっていない方はこちらから新規会員登録